Ciclismo, Swatt news

Il documentario su Sven Nys è da pelle d’oca

Una leggenda mondiale del ciclocross, un Dio per il popolo fiammingo. Sven Nys ha lasciato il mondo delle corse a 40 anni dopo aver corso l’ultima stagione ancora a livelli incredibili, battendosi spesso con il più giovane fenomeno Wout Van Aert. Il corridore belga è stato seguito da una troupe televisiva durante la sua ultima avventura, documentando i suoi allenamenti, i dietro le quinte, i momenti in famiglia e le gare più importanti della sua stagione. Il risultato finale di questo lavoro è a dir poco incredibile, un must per gli appassionati del mondo del ciclismo e non solo.

Un viaggio intenso nella vita di un atleta che ha scritto la storia del proprio sport, il rapporto con amici e tifosi fiamminghi, fra campi di patate e aneddoti dal tocco provinciale che rendono ancor più emozionante questo documentario. È un inno al ciclocross e alla cultura ciclistica belga, è la storia di un uomo che ha voluto semplicemente diventare l’idolo della sua stessa gente, dei suoi familiari, dei suoi amici, di suo figlio.

“Sven: The Final Year” è uno dei documentari sportivi più belli degli ultimi venti anni grazie ad una regia e a delle riprese moderne e spettacolari, ma soprattutto grazie ad una storia leggendaria.

@carloberry

Previous ArticleNext Article
Ex sciatore Pro. Amo la Roubaix, Kitzbuhel e i non campioni che hanno stile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *