Ciclismo

Le corse più belle del 2016

Un’altra annata piena di watt ed emozioni è finita ed ora è tempo di guardarsi indietro per rivivere i momenti migliori di questa stagione. Ecco quali sono state le corse piu belle di questo 2016 ciclistico secondo noi.

1 – Paris-Roubaix: una giornata leggendaria per Matthew Hayman, ma l’eroe assoluto è stato Tom Boonen. “A volte non c’è bisogno di grandi piani, a volte serve avere delle grandi palle”. La gara più emozionante dell’anno è stata senza dubbio la Roubiax.

2 – Olimpiadi Rio: Vincenzo Nibali ci ha tenuti davanti alla tv per più di sei ore regalandoci un mix di emozioni. Un capolavoro mancato, anche se lo spettacolo è stato senza eguali. Che giornata.

3 – Giro d’Italia: sempre e solo Vincenzo Nibali. Lo Squalo dello Stretto è garanzia di divertimento ed emozioni. Un Giro pratito male e finito con azioni leggendarie nell’ultima settimana. Questo è stato il suo piu’ bel successo in un grande giro.

4 – Mondiale di Doha: una giornata apocalittica segnata dai ventagli e un inseguimento nel deserto in stile Mad Max. Ancora una volta il comandante di giornata è stato Tom Boonen, mentre la corona mondiale l’ha conquistata il solito Peter Sagan.

5 – 15esima Tappa Vuelta Espana: non finiremo mai di ringraziare Alberto Contador per quello che ha fatto in questa giornata alla Vuelta. Una fuga partita subito nei primi chilometri, alimentata da poche gambe ma tanto cuore.

6 – Ronde Van Vlaanderen: un Peter Sagan troppo forte per i suoi rivali si consacra sulle pietre fiamminghe e scala sempre di più le gerarchie storiche del ciclismo.

7 – Strade Bianche: un Cancellara eterno riesce a mettersi dietro Stybar e Brambilla sulle strade sterrate. La sua ultima grande perla.

8 – Amstel Gold Race: Gasparotto vince la sua seconda Amstel, anche se questa volta ha un significato particolare, arrivata qualche settimana dopo la scomparsa del compagno di squadra Antoine Demoitie.

9 – E3 Harelbeke: un inizio di classiche di primavera scoppiettante con il duello fra un Michal Kwiatkowski fortissimo e un Peter Sagan ancora poco brillante per vincere.

10 – Il Lombardia: la giornata dei colombiani e la disperazione di un grandissimo Diego Rosa, ad un passo dalla vittoria. Una delle corse più dure dell’anno che ha chiuso in bellezza una stagione piena di watt.

Previous ArticleNext Article
Ex sciatore Pro. Amo la Roubaix, Kitzbuhel e i non campioni che hanno stile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *