fbpx
Ginocchiera Trizone Knee

Recensione Ginocchiera Trizone Knee by Compex

Eccoci con la prima di una serie di recensioni legate ai prodotti Compex, una delle aziende leader legate ai watt, che ci ha dato la possibilità di testare i loro prodotti nelle nostre giornate all’insegna della prepotenza fisica. Dunque iniziamo questa nuova rubrica con la recensione della Trizone Knee, una ginocchiera pensata per gli sportivi che soffrono di dolori, infiammazioni muscolari o soprattutto sono reduci da qualche infortunio alle ginocchia. Abbiamo testato questa ginocchiera durante i nostri allenamenti in palestra e sugli sci ed ecco i nostri pensieri.

 

Per provare un prodotto del genere non c’era modo migliore che iniziare spingendo watt in palestra, fra bilancieri ed esercizi a corpo libero. Avendo avuto qualche problema in passato al vasto mediale destro, che mi ha sempre dato piccoli problemi e fastidi nelle sedute in palestra, ho deciso di utilizzare la ginocchiera solo su questo ginocchio per capire veramente l’efficacia di questo prodotto. La cosa sorprendente della Trizone Knee è sicuramente la vestibilità: leggera, poco voluminosa, design cattivo e soprattutto non è scomoda. Per tutta la durata dell’allenamento non mi è mai capitato di doverla riposizionare o toglierla per far prendere aria alla pelle; la ginocchiera rimane in posizione sempre. Consiglio però di indossarla attaccata alla pelle e non sopra agli scaldamuscoli o ai pantaloni. Il sostegno che garantisce è notevole, soprattuto negli esercizi come affondi, squat, girate o stacchi, e chiaramente maggiore sarà il peso utilizzato nell’esercizio e più evidente sarà il supporto della ginocchiera. Ovviamente negli esercizi ad alta intensità si sente molto l’apporto dato, come ad esempio durante le girate con 60-70kg o negli squat  Una differenza l’ho notata anche a fine allenamento: i muscoli della gamba destra erano molto meno “impastati” e meno intorpiditi rispetto all’altra gamba. Se per gli atleti che non hanno mai avuto grossi problemi può essere un bell’aiuto, per coloro che soffrono alle ginocchia deve essere un must la ginocchiera.Dopo queste sessioni di palestra ho provato ad indossarla anche sugli sci. Il ghiaccio primaverile e le sollecitazioni di prima mattina sono state il banco di prova ideale. Dopo alcune sciate libere in pista ho deciso di utilizzarla anche per qualche giro in un tracciato di gigante. Negli anni passati da atleta non ne ho mai utilizzata una, ma più di una volta mi è capitato di vedere ragazzi indossare ginocchiere ingombranti e non molto belle da vedere esteticamente. All’inizio ero un po’ scettico, anche se la Trizone Knee essendo poco voluminosa è facilmente adoperabile anche sotto la tuta da gara e il mio consiglio ancora una volta è quello di non indossarla sopra alla calzamaglia, ma di lasciarla sempre a contatto con la pelle per far si che non si muova e renda al 100%.

Ho realizzato che per tutti coloro che sono reduci da brutti infortuni alle ginocchia è fondamentale utilizzare una ginocchiera quando si scia, per evitare danni ulteriori causati da cedute e assorbimenti ad alte velocità, ma soprattutto per avere una cosa fondamentale in questo sport: la fiducia.

E’ disponibile in taglia S-M-L-XL al prezzo di 59,90 Euro. È una ginocchiera di derivazione ortopedica (Compex fa parte del gruppo DJO Global, che annovera marchi come Aircast e DonJoy) pensata per sportivi che soffrono di dolori al ginocchio; i supporti in silicone preformati servono a proteggere le zone del ginocchio tipicamente soggette a infiammazioni ed offrono protezione attorno alla rotula con un effetto di sostegno assimilabile alle ginocchiere più spesse e scomode e inoltre creano uno scarico simile al taping.

Per voi che soffrite di dolori a causa di infortuni passati o volete usare delle precauzioni, ma soprattutto per voi che volete spingere watt con il massimo della fiducia, la ginocchiera Trizone Knee vi regalerà grandi soddisfazioni.

Per altre info: it.compexstore.com

 

Ex sciatore Pro(?) Amo la Roubaix, Kitzbuhel e i non campioni che hanno stile e vincono ogni tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *