Solo Sagan fa meglio di Sonny! Il pagellone della quinta tappa

Quinta frazione al Tour, da Lorient a Quimper. Una tappa piena di insidie tra colli, strade strette e nervosismo. La fuga di oggi ha visto protagonisti quattro uomini, tra i più attivi Chavanel della Direct Energie in sella ad un Ramato appositamente dedicatogli. Ai meno dieci ecco uscire allo scoperto il discotecaro Julian Alaphilippe, con una sgasata per tenere alta la tensione dopo la qualificazione in finale della Francia ai Mondiali. Moscon regola il gruppo fino ai meno tre Km, per poi lasciare strada a Kwiato e Bernal.

Il finale è di una qualità over the top,  Gilbert parte ai meno 700 metri, creando un buco con pochissimi corridori, tra questi il nostro Nibali. Van Avermaet esce fuori lunghissimo per conservare la maglia mentre Sagan è in totale controllo. E’ però Sonny Colbrelli il primo a lanciare la volata, solo Sagan ha la forza di superare il bresciano sul traguardo con Gilbert in terza posizione. Ancora grande Pasqualon in nona posizione davanti a Vincenzo Nibali. Nuovamente Sagan, ma che emozione vedere Colbrelli in mezzo a questi mostri sacri. Ma l’Italia del ciclismo non era finita? Andiamo al pagellone:

Peter Sagan: su questi terreni gioca contro tutti, facendo il Gilbert di qualche anno fa. Uno spettacolo. Voto:10

Sonny Colbrelli” si chiama Sagan, non Colbrelli”. Questa la sua dichiarazione a caldo. Deve essere fiero di questo risultato, con una qualità del genere in gruppo ha fatto un numero da corridore di assoluto livello. Sono questi piazzamenti a dargli la consapevolezza di potersela giocare, non le vittorie nelle gare del condominio che gli diedero i ruoli di capitano a RichmondVoto: 9

Andrea Pasqualon: è sempre davanti il falco di Enego. Forse dovrebbe crederci un pò di più nei finali, essere un pò più arrogante nel corpo a corpo. Ti aspettiamo Andrea. Voto:8

Julian Alaphilippe: che corridore, quando gli si chiude la vena fa cose senza logica. Chiude quinto dopo aver sprecato energie in uno scatto inutile ai meno dieci. Non ci piacciono i francesi, quando vediamo Demare perdiamo 300 Watt per gamba, ma Alaphilippe….  Chi non lo vorrebbe in squadra? Voto:7

Gianni Moscon: quando è in testa al gruppo con quella gamba, sono dolori per tutti. Un altro corridore rispetto alla primavera, due braccia tirate come mai ed una sicurezza assoluta nelle gerarchie del Team Sky. Ora viene il bello. Voto:7

Alejandro Valverde: passano gli anni, ma è sempre davanti su questi arrivi. Don Alejandro, un malato di wattaggi. Voto:7

Vincenzo Nibali: vederlo così attivo e brillante su questi arrivi ci dà grande speranza. Può veramente essere il suo Tour, lo squalo dimostra ogni giorno una maturità mai vista prima.  Voto:9

 

Nato sulle Dolomiti, innamorato dell' Austria, del pavé e dei personaggi carismatici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *