fbpx

Teunissen, Viviani, Sagan, Groenewegen. Al Tour è un alternarsi di maiali!

C’era scetticismo, non lo neghiamo. Che volate ci saremmo potuti aspettare da questo Tour de France? Con i big degli ultimi anni, tra varie defezioni e atleti sul viale del tramonto, immaginavamo solamente un predominio senza rivali del binomio Viviani e Sagan con al recente Tour de Swisse.

Marcel Kittel ritirato dalla sua squadra ad inizio stagione per motivi ancora non noti, Fernando Gaviria infortunato e non al top della sua condizione come nel 2018, Andre Greipel ormai sul viale del tramonto e non supportato da un treno all’altezza del suo valore e Mark Cavendish nemmeno convocato a favore del nostro Giacomo Nizzolo. Che fine potevano fare le volate della Grand Boucle senza questi nomi altisonanti che hanno dominato in lungo e in largo nelle ultime edizioni?

Ebbene dopo la settima tappa ci troviamo ad uno stallo in tema di tappe per velocisti con cui non abbiamo avuto a che fare negli ultimi anni. Mike Teunissen che infila di un centimetro un Peter Sagan sembrato molto imballato nella prima tappa, Elia Viviani che finalmente riesce a sbloccarsi anche al Tour e spacca le pedivelle nell’arrivo di Nancy, lo stesso Sagan che finalmente torna a mostrare in muscoli con una fucilata sull’arrivo in leggera salita di Colmar e oggi il cinghiale  Dylan Groenewegen che anticipa tutti  per un nonnulla beffando  Caleb Ewan e l’intero treno della Quick Step.

Per la maglia verde, visti i piazzamenti e l’altimetria dell’ultima settimana sembra non ci sia alcun dubbio, Peter Sagan è nettamente il favorito, mentre per il maggior numero di traguardi pianeggianti conquistati in questa 106esima edizione nulla sembra più aperto, e le famose triplette o addirittura i poker visti negli ultimi tre anni sembrano solo un lontano ricordo.

E chissà cosa sarebbe potuto succedere con anche Kittel, Gaviria e Cavendish in gruppo. E’ proprio vero, purtroppo il giro non può ancora competere con il livello delle volate della Grand Boucle.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *