Pagelloni

Vuelve Rigo! Uran fa sognare al Tour de France

rigoberto uran tour de france

Ci si aspettava il delirio, ma alla fine sono state le cadute a caratterizzare questa tappa difficilissima. Fuori dai giochi Geraint Thomas e Richie Porte, mentre Daniel Martin rimane attardato a causa della caduta insieme al tasmaniano. Rimane in giallo Chris Froome, ancora l’uomo da battere, mentre Fabio Aru tiene duro nonostante qualche momento di difficoltà. Ecco il pagellone della nona tappa del Tour de France.

Rigoberto Uran: Rigo! Che spettacolo! Che bello vederlo così in forma a lottare con i migliori della classe dopo un inizio di stagione passato ad aggiustare la parabola di casa sua, come documentato sulla sua pagina Instagram. Nel finale ha un problema meccanico con la sua Cannondale e dunque è costretto a mulinare watt con il pignone fisso sull’11, macinando watt come un maiale e andando a prendersi una vittoria che nessuno si sarebbe aspettato. Che rockstar, che imprenditore. Vuelve Rigo! Voto: 10

Warren Barguil: in fuga ieri, in fuga oggi per la gloria, anche se per pochi centimetri non si prende la tappa. Voto: 8

Chris Froome: fa lavorare la squadra come al solito, rientra in testa dopo un problema meccanico, attacca più di una volta e si impone come capo della corsa. E’ ancora lui l’uomo da battere, con o senza il fidato Geraint Thomas. Voto: 9

Fabio Aru: sembrava il più fresco in salita, ma con gli attacchi di Froome perde qualche metro. Nella volata finale avrebbe potuto usare meglio Fuglsang, ma non importa. Il suo Tour è appena iniziato. Voto: 7

Romani Bardet: rimane attaccato in salita, poi prova una fagianata nel finale. Il francesino c’è. Voto: 7

Nairo Quinatana: contiene i danni, ma Nairo non sembra avere il passo per far qualcosa di magico. Forse uscirà nella terza settimana, ma la prima posizione del Tour de France è sempre più lontana. Voto: 5

Alberto Contador: oltre 4′ di ritardo. Lo vorremmo vedere davanti, ma la forma è questa. Ti aspettiamo all’attacco Alberto. Voto: 4

Jakob Fuglsang: fondamentale nel finale per rientrare su Bardet, prova poi invano a cercare il successo di tappa. La voglia di vincere poi gli ha fatto dimenticare per strada il suo leader. Voto: 5

Richie Porte: ci ha fatto vedere una gamba mostruosa. Purtroppo una traiettoria sbagliata lo ha messo fuori dai giochi. Voto: S.V.

Previous ArticleNext Article
Ex sciatore Pro. Amo la Roubaix, Kitzbuhel e i non campioni che hanno stile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *