Circuito Senior Fisi: cambiano i raggi!

Come da comunicazione ufficiale del sito della federazione (fisi.org), abbiamo appreso di come la stagione 2015/2016 sara’ l’ultima in cui le vecchie misure degli sci (GS, SG e DH), potranno essere utilizzate nelle gare nazionali, quelle dei vari circuiti fisi per intenderci. Dalla stagione successiva infatti, 2016/2017, gli atleti dovranno adeguarsi alle misure di coppa del mondo. Ascoltando i vari pareri degli sci club, che rendono onore a queste gare, ci siamo accorti di come la notizia non sia stata accolta con grande entusiasmo. In effetti ci viene da pensare che, tutti gli atleti, i quali non partecipano ai circuiti Fis, ma che mettono il loro impegno per svolgere le gare fisi (ad esempio ski race cup o autodrive), con un obiettivo di divertimento prima ancora che di risultato, possano essere destabilizzati da questo cambio di materiale. Se infatti già c’e’ voluto tempo e allenamento per tutti gli atleti che, partecipando a gare di alto livello sono stati obbligati ormai 3 anni fa ad adattarsi alle misure nuove degli sci, ora per un garista della “domenica”, senza offendere nessuno, sara’ decisamente difficile potersi godere la propria gara con questi sci.Sicuramente per i master ci saranno, giustamente, dei regolamenti a parte, ma per tutti gli altri, bisogna anche sottolineare l’aspetto economico, quindi la spesa per l’acquisto dei nuovi sci.

Sorge spontaneo a questo punto chiedersi quanto tutto ciò inciderà sul numero dei partecipanti alle gare, sempre più in diminuzione, e quanto inciderà sul numero dei tesserati, insomma, tutta questa operazione, quanto inciderà sul mondo dello sci agonistico italiano? Questa scelta sembra essere molto più commerciale che fatta per amore di sport. Con ciò non si vuole incolpare la federazione italiana nello specifico, che è costretta ad adattarsi alle regole Fis, piuttosto si vuole sottolineare la volontà del sistema di non proporre dei regolamenti che possano avvantaggiare gli atleti.

E in ambito di selezioni maestri, allenatori e master istruttori, quali saranno le direttive da seguire? Ne vedremo delle belle.

@FontaAndrea

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *