Italjet Junior

DELUSIONE ITALJET JUNIOR

Forse non ci si aspettava una medaglia, ma almeno una top 10 era il minimo attendibile dai giovani velocisti nelle due gare finora disputate ai Mondiali Juniores di Sochi, in Russia. Sabato la discesa, oggi il SuperG, ma l’Italia non è andata oltre al 21esimo e al 22esimo posto di Florian Schieder e Federico Paini, entrambi carabinieri ed entrambi classe ’95.

La discesa di sabato è stata caratterizzata da brutto tempo e neve non ottimale a causa delle frequenti piogge che hanno colpito ultimamente la località russa ed è stata vinta dallo statunitense Erik Arvidsson in 1’11”66, davanti all’austriaco Stefan Babinsky (1’11”86) e al transalpino Victor Schuller (1’12”01). Come detto, si limitano alla 21esima e 22esima posizione i carabinieri Florian Schieder (1’12”99) e Federico Paini (1’13”07), con quest’ultimo che non riesce a migliorare il proprio 15esimo posto ottenuto l’anno precedente, ad Hafjell, nonostante i buoni tempi settoriali dimostrati nella prima e unica prova disputata. Non si qualifica nei migliori trenta l’altro carabiniere altoatesino Alexander Prast, classe ’96, 33esimo in 1’14”00, mentre non ha invece concluso la sua prova il poliziotto Federico Liberatore, vittima di una classica internata in una curva verso destra.

Non è andata meglio nel SuperG di questa mattina (partito alle 7 italiane), dove almeno il meteo ha dato una tregua all’evento, mostrando uno splendido sole e neve più dura. La gara è stata vinta dal francesino classe ’96 Matthieu Bailet, che ha chiuso la propria prova in 1’09”95, mettendosi dietro il canadese del ’97 James Crawford (1’10”32) e un altro giovane, elvetico, Marco Odermatt (1’10”48). Solo in 23esima posizione il migliore degli italiani, Florian Schieder (1’11”73), mentre al 28esimo posto Federico Paini (1’11”90). Si è limitato alla 43esima posizione Liberatore, chiudendo a 3”16 dalla vetta. Out Prast.

Domani si disputerà l’ultima prova in programma per i velocisti, la Combinata Alpina. Non ci si può aspettare miracoli da questa disciplina, ma lo sci si sa, è uno sport imprevedibile. In bocca al lupo ragazzi!

Per Solowattagio Alessandro Paini

@alepaini96

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *