Marcel Hirscher non più dominatore

Hirscher non più dominatore, che cosa succede?

Sembra che stia succedendo quello che si è verificato lo scorso anno proprio a Soelden. Ted Ligety pareva dovesse disputare una stagione da dominatore come quella precedente ed invece andò diversamente. Quando si affacciò al cancelletto Marcel Hirscher presero tutti paura. Con otto chili di massa in più dopo un’estate passata a sollevare ghisa nella sua palestra di Annaberg, il salisburghese disputò un opening allucinante vincendo con più di un secondo su Fritz Dopfer. Domenica abbiamo avuto lo stesso copione: doveva dominare Marcel ed invece ecco di nuovo Ligety. Sabato sera negli Apres Ski dopo aver bevuto fiumi di birra, la gran parte dei tifosi al Fire & Ice, famoso locale nella località tirolese, andava dicendo “domani Hirscher vince con 3 pere e tutti a casa” oppure “è finita l’era Ligety vedrai”. Ormai sappiamo tutti come sia andata a finire. Da quando sono cambiati i materiali, tutti hanno dovuto rincorrere Ligety, copiarlo e guardare ore al video le sue linee. Poi lo scorso anno Hirscher ha dimostrato al mondo intero linee  impensabili per tutti e “casate” degne del Max Blardone ai tempi d’oro quando tra una porta e l’altra effettuava il cambio con un balzo da migliaia di watt. Domenica invece si è evidenziato come in questa estate tutti abbiano iniziato ad imitare Hirscher. Da ciò è saltato fuori un opening bellissimo, puntavano tutti il palo e poi traverso alla Valentino RossiHirscher è sembrato molto sicuro, non l’abbiamo mai visto fare grandi rischi e ha messo in mostra una sicurezza invidiabile a tutti. Gli altri però hanno dimostrato di tenergli testa, anzi LigetyFanara lo hanno battuto. Forse l’austriaco ha azzardato nella preparazione, sciando pochissimo, ma questi sono discorsi che lasciano il tempo che trovano. Se lo scorso anno si correva per il secondo posto, in questa stagione saranno almeno in cinque atleti a giocarsi le vittorie, tra questi anche il nostro Roberto Nani.

@bauerdatardaga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *