L’oro di Mich, una vittoria contro il sistema

Michelangelo Tentori e’ quel  tipo d’atleta che per raggiungere un risultato,ha bisogno di lavorare piu’ di ogni altro sciatore, non disponendo di un talento come altri. Grazie al suo carattere e alla sua caparbieta’, quest’oggi a Sella Nevea si e’ laureato campione italiano in combinata. Questa mattina durante la ricognizione, complimentandoci con lui per la vittoria di ieri nel gigante a Kranjska Gora dove ha fatto 8 punti FIS, gli abbiamo detto:”Mich guarda che oggi e’ tua”. Dopo un grande superg chiuso in 4 posizione, ecco la rimonta in combinata e la medaglia d’oro davanti ad Emanuele Buzzi e Guglielmo Bosca. Dietro questa medaglia d’oro, c’e’ l’enorme lavoro dello Sci Club Lecco e dei suoi allenatori Carlo Riva e Pier dei Cas senza dimenticare “Frick” e “Sbarde”. Dopo aver mancato l’ingresso in squadra nazionale all’ultimo anno giovani, Mich non si e’ dato per vinto. La sua voglia di crederci, di non mollare e la sua cabarbieta’, l’hanno fatto arrivare a questi risultati. Non dimenticheremo mai cio’ che e’ accaduto lo scorso anno agli assoluti di Livigno: durante la seconda manche, mentre stava scendendo mich, un’allenatore di cui non facciamo il nome, e’ uscito dicendo: “ma cosa fa ancora Tentori in pista” . 365 giorni dopo Tentori chiude la stagione con 9 punti in gigante, 2 ori alle universiadi e oro in combinata agli assoluti. Ci piacerebbe sapere invece i risultati portati a casa da quell’allenatore. La cosa piu’ brutta di questa storia e’ che per una gran parte degli allenatori, dopo la categoria giovani se non sei in squadra nazionale sei un’atleta vecchio e finito. Michelangelo Tentori pero’ sulle orme di Roberto Nani, oggi ci ha dimostrato che con la determinazione si puo’ arrivare in alto. Complimenti da Solowattaggio a Mich e allo Sci Club Lecco.

Nato sulle Dolomiti, innamorato dell' Austria, del pavé e dei personaggi carismatici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *