UN’ HONDATA DI FUMO E IL CAMPIONATO SI RIAPRE, A DOVIZIOSO IL GP D’INGHILTERRA, ECCO IL PAGELLONE DI SILVERSTONE

165 gare, 2 vittorie. Nelle ultime 7 gare, 4 vittorie. Stiamo parlando di Andrea Dovizioso, che oggi ha battuto tutto e tutti amministrando una gara combattuta e spettacolare. Uno zero pesante per Marquez, complice la rottura del motore. Secondo Vinales, terzo un dottore che ci ha fatto sperare in qualcosa di grande. Ecco come l’abbiamo vista noi:
DOVIZIOSO 10: Con il suo spirito di dedizione e perseveranza sta dimostrando che Stoner non è l’unico a saper guidare la Ducati e che l’anno scorso la dirigenza di Borgo Panigale ha fatto la scelta giusta confermando Dovi, che oltre al buon pilota che vediamo in gara è un piccolo genio nello sviluppo della moto. Per la verità, però, la vittoria non era così aspettata, anche visti i tempi del weekend. Ma dopo la gara arriva la confessione del collaudatore Michele Pirro: il segreto sta nel warm up, dove è arrivato il colpo di genio del capo meccanico.
VINALES 8.5: scelta contro corrente quella delle gomme, che nella fase centrale della gara poteva sembrare sbagliata. In realtà, la fase più veloce della sua gara arriva proprio alla fine, dove la morbida avrebbe dovuto soffrire di più. Forse con uno o due giri di più sarebbe riuscito a replicare la bagarre con il pilota romagnolo. Mette comunque le ruote avanti al suo compagno di team e rimane nel vivo della lotta mondiale.
ROSSI 8: torna sul podio dopo qualche gara di digiuno. Dopo un’ottima partenza si ritrova primo e sviluppa la sua gara in una fuga combattuta ogni giro sui millesimi. Riesce a ritardare l’ormai consueta crisi di gomme con l’abilità con cui Trenitalia ritarda i suoi treni regionali. Forse sarebbe l’ora di sopprimere sia i treni in ritardo che gli scivolamenti delle gomme.
MARQUEZ S.V. Fumata bianca per lo spagnolo che abbandona precocemente la gara a causa della rottura del motore. Fin dall’inizio non sembrava il Marquez di venerdì e sabato; poi, sul fattaccio, è incolpevole e sfortunato. Non se lo meritava, ma d’altronde non può andargli sempre tutto dritto. Di fatto, questo episodio riapre il mondiale.
CRUTCHLOW 7: Corre egregiamente il suo GP di casa tenendo il ritmo dei primi. Simpatica la scena nel parco chiuso con sua figlia Willow. Sembra che le abbia insegnato a dire《bravo Dovi》.
LORENZO 7.5: Pare disattento, per ben due volte rimane a piedi nel weekend (una volta senza benzina) con successiva sclerata nei box. Ottiene comunque un buon risultato e, come ormai d’abitudine, va sportivamente ad applaudire alla premiazione del suo compagno di team. Temiamo che entro il GP d’Australia possa arrivare con il cappellino numero 04…
C. e S. Cordone
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *