Van Averamet beffa Sagan in una volta epica

Che arrivo spettacolare quest’oggi al Tour! Sullo strappo finale il gruppo recupera ai -700 i fuggitivi di giornata e ai -600 si innesca un duello pazzesco fra Greg Van Avermaet e Peter Sagan che si giocano la vittoria fino all’ultimo centimetro. Una lotta fantastica fra due “esperti piazzati” che ha reso la tappa odierna epica, a differenza delle ultime giornate pirenaiche. Le pagelle:

Greg Van Avermaet: l’eterno piazzato oggi ha fatto un numero pazzesco! 300 metri tutti al vento spingendo rapporti disumani. Dopo una primavera corsa a livelli incredibili, senza però raccogliere il grande risultato, oggi va a prendersi una vittoria che vale tantissimo. Questo genere di corridori che corrono al massimo da inizio anno ci fanno impazzire. Per un’attimo è sembrato di assistere ad una classica primaverile, ma poi vedendo Chris Froome “spingere il carrello della spesa” siamo tornati con i piedi per terra. Knap gereden Greg! Voto: 10

Peter Sagan: la vittoria non arriva nemmeno oggi. Partito come favorito numero uno raccoglie solamente la seconda posizione, la quarta di questo Tour. Peto c’è sempre ma sembra manchi di potenza in quegli ultimi 20-30 metri finali. La forma c’è e anche tatticamente sembra essere sul pezzo, ma da questo corridore ci aspettiamo sempre qualcosa di mostruoso. Arriverà una chiamata dal magnate russo Oleg Tinkoff ? Voto: 6

Jean-Christophe Peraud: dopo una caduta rovinosa, che gli procura gravi escoriazioni, torna in sella con grande cuore e finisce la tappa. Pedala gli ultimi 40km con le lacrime agli occhi per il dolore e nonostante tutto finisce la tappa. Stoico oggi il francese. Voto: 10

Jan Bakelants: su strappi di questo genere i belgi sono i numeri uno. Buona terza posizione per il corridore dell’AG2R. Voto: 8

Vincenzo Nibali: dai che la forma sta migliorando. Regalaci azioni epiche sulle Alpi. Voto: 6

John Degenkolb: la forma migliore è lontana. Una quarta posizione non può soddisfare un corridore che quest’anno ha messo in bacheca Milano-Sanremo e Roubaix. Voto: 5

Zdenek Stybar: lo aspettavamo davanti nel finale e invece il fiammingo d’adozione non si è mai visto. Peccato perchè avrebbe potuto dire la sua. Voto: 5

Cyril Gautier: per tutto il tempo si lamenta e sbuffa imitando il suo compagno di squadra Thomas Voeckler. Ma in Europcar prendono solo attori? Grande prova comunque oggi. Voto: 8

Thomas De Gendt: altra bella fuga per il belga della Lotto-Soudal, anche se non è più quel corridore che nel 2012 vinse sullo Stelvio una tappa storica. Voto: 6

@carloberry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.