Tour of Oman 2016 Nibali

Vincenzo, ti vogliamo al Nord

“Lo Squalo dello Stretto” è già carico. Nella quarta frazione del Tour of Oman è arrivata la prima vittoria stagionale per il siciliano dell’Astana che già nelle prime apparizioni, come al San Luis, aveva ben figurato. Nonostante si tratti di una corsa di poco valore è un risultato comunque importante.

L’obbiettivo di Vincenzo in questo 2016 sarà senza dubbio il Giro d’Italia, ma anche nelle classiche di primavera potrebbe fare grandi cose, soprattutto nella Liegi-Bastogne-Liegi, dove arrivò secondo nel 2012 dopo un’azione in solitaria da manuale del ciclismo. Nibali è un uomo da grandi giri, ma al Nord ha sempre ben figurato nonostante non si sia mai concentrato al 100% su queste corse.

Vincenzo Nibali pave

Vincenzo Nibali vola sul pavè francese.

Eppure è proprio su quelle strade che vorremmo vederlo battagliare, come nella storica quinta tappa del Tour de France 2014 dove dimostrò a tutto il monod di avere grandi doti da “pavearo”. Fu un caso isolato? Secondo noi no. Le sue abilità nella guida e i suoi watt sono adatti a corse di questo genere. Certo, gente come Sagan, Van Avermaet, Degenkolb o Stybar hanno una marcia in più a queste latitudini, ma con un pò di lavoro specifico ed una preparazione focalizzata sulla primavera potrà fare risultato anche in una corsa come il Giro delle Fiandre. Un corridore del genere farebbe innamorare i tifosi fiamminghi con il suo stile e la sua fantasia.

@carloberry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *